1

serafino carmine

VERBANIA – 23.07.2019 – Ha lottato fino all’ultimo,

mostrando una tempra e un attaccamento alla vita non comuni. È stato lungo il calvario di Serafino Carmine, che s’è spento ieri sera all’Hospice di Intra. Aveva 73 anni e gli ultimi li ha vissuti lottando contro una malattia che ne ha fiaccato il fisico, ma non l’animo. Storico volontario, insieme al fratello Rodolfo, dell’associazione de “I Pacian da Intra”, era diventato presidente nel 2015, dopo la prematura scomparsa di Claudio Viganò. È rimasto in carica sino a pochi mesi fa, quando le condizioni di salute si sono aggravate e ha ceduto il testimone a Fiorella Ramoni. Coi Pacian è stato animatore del Carnevale (ha mancato solo l’ultimo appuntamento, ma solo perché impossibilitato fisicamente ad esserci) e tra gli chef delle risottate della patronale per anni, prestando un’opera di volontariato concreta, fatta di tanto lavoro e di poche chiacchiere. Appassionato di montagna –sull’epigrafe la famiglia ha voluto fosse pubblicata l’immagine delle stelle alpine– è stato tra i principali volontari, sin dalle prime edizioni, della Maratona della Valle Intrasca.

Nella vita aveva lavorato per anni come commesso in farmacia e aiutato la moglie nella gestione della tabaccheria che avevano in Contrada.

Lascia la moglie Bianca, i figli Andrea e Mauro, i fratelli Carlo, Mariuccia, Cecilia, Rodolfo, Giorgio, Camilla e Cesare. I funerali saranno celebrati domani alle ore 15 nella basilica di San Vittore, a Intra.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.