1

meridiana premosello

PREMOSELLO C. - 23-09-2019 - Tanta gente nella mattinata

di domenica a Premosello Chiovenda, per l’inaugurazione della rinnovata meridiana in via X settembre, data della costituzione nel 1944 della Giunta Provvisoria di Governo ossolana, dedicata proprio alla Repubblica dell’Ossola, di cui ricorre il 75° anniversario proprio in questo periodo.

Ad aprire la cerimonia il promotore dell’iniziativa, l’ing. Fausto Pella, titolare di una società di architettura e ingegneria a Concorezzo in provincia di Monza Brianza ma dalle radici premosellesi mai dimenticate, che nel ricordo del padre Emilio ha voluto far realizzare a sue spese non solo la nuova meridiana, opera dall’artista brianzola Veronica Veneroni, ma anche una serie di murales dipinti da Maurizio Taggiasco “Jori” ed Elisabetta Colombo “Gioia”, dedicati a paesaggi ed attività di Premosello Chiovenda, riqualificando l’area divenuta perciò di un certo interesse, per l’originalità di quanto rappresentato e, se possibile, di quanto di ulteriore sarà dipinto sui muri della via X settembre, con riferimenti alla Val Grande di ieri e di oggi.

Non a caso alla cerimonia era presente una rappresentanza dei Carabinieri forestali del Parco Nazionale, oltre al Comandante dell’Arma della locale stazione, mentre il Sindaco Giuseppe Monti che a nome del Comune – Ente che insieme al Parco Val Grande ha dato il patrocinio all’iniziativa – ha sottolineato il valore dell’opera ripercorrendo le tappe più significative della Repubblica dell’Ossola.

Nella prolusione di Pier Antonio Ragozza, studioso del periodo storico considerato, è stato citato anche un episodio accaduto proprio in questa via nel novembre 1943, quando un soldato tedesco della Zollgrenschutz, occupante ma antinazista, volutamente non sparò ad un partigiano fuggitivo “… segno tangibile che anche nei momenti più bui, può sempre prevalere la coscienza del singolo in contrapposizione alle ideologie totalitarie e disumane apparentemente vittoriose”.

Il presidente della locale ANPI, Valerio Rossi, dopo un ampio excursus storico sulle vicende resistenziali e citando pure nomi noti di personaggi italiani che aderirono invece alla RSI, ha donato a Fausto Pella un documento del 1945, in cui l’ANPI stessa attestava il ruolo avuto dal padre Emilio nel periodo di occupazione nazifascista, mai ostile al movimento di liberazione.

Gli interventi hanno sottolineato come la realizzazione di una meridiana proprio in via X settembre, in quello che localmente è il “viale dell’asilo”,  sia occasione per legare passato e futuro, il passato di cui si fa memoria con l’immagine ed il riferimento alla Resistenza e alla “Repubblica dell’Ossola”, il futuro rappresentato dai bambini e dalle bambine che frequentano la vicina Scuola materna e che costituiscono il domani di Premosello Chiovenda e dell’Italia.

Dopo la benedizione dell’orologio solare da parte del Parroco don Ezio Rametti, Roberto Arcioli – che insieme con il geom. Nicola Coco ha effettuato i calcoli per la realizzazione dell’opera – ha illustrato ai presenti il funzionamento delle meridiana, richiamando anche la precedente che aveva personalmente dipinto insieme con Emilio Pella negli anni Novanta del XX secolo.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.