1

pizzi braccia aperte

DOMODOSSOLA- 23-10-2019- "Il countdown e’ ormai scaduto",

così il sindaco domese Lucio Pizzi in un comunicato stampa riguardante il futuro della sanità provinciale: "La totale mancanza di serietà di una nutrita schiera di amministratori è stata certificata dal continuo cambio di posizioni rispetto al posizionamento del nuovo ospedale del Vco.

In concomitanza con le elezioni regionali abbiamo visto dissolversi i sostenitori del sito di Ornavasso collina, convertiti improvvisamente ad un incredibile balletto di nuove proposte: si è passati così, con estrema leggerezza, da Ornavasso collina a Ornavasso pianura, entrambe subito abbandonate proprio da Marchionini che ha proposto un’area a Fondotoce ad alto rischio esondazione, per finire poi a Gravellona “non si sa dove”, visto che l’unica area idonea è stata invece utilizzata per nuovi insediamenti commerciali.

La realtà è una sola: non c’è nessuna area idonea per la costruzione di un nuovo ospedale nella zona Ornavasso, Gravellona, Fondotoce, Verbania.

Reschigna e il PD si erano inventati il cucuzzolo di Ornavasso - nell’ombra sulla roccia - e secondo quanto scritto nel famigerato protocollo l’ospedale avrebbe dovuto essere inaugurato proprio in questi giorni, con tutti i servizi già attivati. Invece, dopo quattro anni, non ve n’è la minima traccia e il countdown sul sito del Comune di Domodossola è arrivato alla fine: le chiacchiere stanno a zero e anche la serietà di molti soggetti politici.

A differenza di Marchionini, che ha firmato per la chiusura dell’ospedale di Verbania, ho sempre sostenuto con forza che per Domodossola non esiste l'opzione di restare senza il suo ospedale e l’'area messa già a disposizione per la realizzazione di un nuova e moderna struttura, sulla piana che si percorre uscendo dalla Città verso Villadossola, è oggettivamente la migliore della provincia: 110.000 mq in piano e senza nessuna controindicazione geomorfologica o ambientale con collegamenti e servizi che nessun altro centro può vantare, tanto meno i piccoli borghi. Inaccettabile quindi l’eventuale opzione di retroguardia, avanzata da qualcuno, di riesumare Piedimulera, affossata ai tempi anche dalla Lega. Inoltre servizi di 118 ed elisoccorso h24, efficacemente organizzati, tolgono ogni altra debole motivazione finalizzata a privare una comunità del suo ospedale per regalarlo a un piccolo paese distante un soffio.

Serio è stato invece, innegabilmente, il comportamento del neo Presidente della Regione Alberto Cirio. In campagna elettorale ha dichiarato che, se eletto, sarebbe venuto sul territorio ad ascoltare la voce dei Sindaci e l’ha fatto il 16 luglio scorso a Mergozzo. In quell’occasione ha detto che - raccolte osservazioni, proposte e documentazioni - avrebbe comunicato la sua decisone entro 90 giorni e dopo 90 giorni ci ha convocati.

A questo punto c’è solo da sperare che finalmente, dopo anni di fuffa e prese in giro, si arrivi ad una decisione oggettiva, chiara e definitiva sulla riorganizzazione sanitaria della nostra Provincia e che poi, il più velocemente possibile, si passi a concretizzarla con tutti gli atti amministrativi necessari".

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.